I più grandi artisti jazz di tutti i tempi

jazz

Il jazz non è un genere facile: dati i suoi ritmi imprevedibili e le sue musicalità a volte dissonanti, all’orecchio più inesperto può risultare un genere musicale troppo estremo. Si tratta però di un genere molto amato tra molti estimatori, per le capacità tecniche e artistiche richieste per suonarlo e, una volta che ci avrete fatto l’orecchio, saprà accompagnare perfettamente le tue serate in compagnia di bellissime escorts all’insegna dei balli più scatenati.

Il meglio del jazz e tutti i musicisti che hanno fatto la storia di questo genere

Questo genere nasce a cavallo del XIX e XX secolo negli Stati Uniti negli strati più bassi della popolazione: come potrai spiegare alla tua Milano escort, in principio si trattava di una forma d’espressione vocale cadenzata che accompagnava e dava il ritmo al lavoro degli schiavi neri nelle piantagioni americane.

La sua evoluzione verso un genere musicale più definito si ebbe a fine dell’Ottocento, quando gli schiavi ormai liberati potevano riunirsi e suonare pezzi improvvisati durante eccitanti jam session: come potrai spiegare alle tue signore, si trattava di vere e proprie orchestre che, suonando ad orecchio, omponevano queste melodie così innovative.

Riscopri questo genere partendo dai più grandi artisti jazz di tutti i tempi

saxophone

La nascita vera e propria del jazz avvenne a New Orleans all’alba del XX secolo: il titolo di padre del genere spetta Buddy Bolden, che qui suonava nel 1904. Il genere si affermò velocemente in questa città multietnica e multiculturale e gli artisti più famosi, spinti da paghe più generose, cominciarono presto a spostarsi verso gli stati del Nord: in particolare molti si stabilirono a Chicago, dove artisti del calibro di Sidney Bechet e Louis Armstrong, che sicuramente tu e la tua Milano escort conoscerete, divennero presto famosi in tutto il mondo.

Lo sviluppo del genere subì una battuta d’arresto con la crisi del ’29 e la successiva Grande Depressione che coinvolse l’America. Con il ritorno del jazz negli anni Trenta e Quaranta si ebbe l’affermarsi di diverse orchestre e nuovi sviluppi musicali: il musicista ebreo Benny Goodman trasformò il jazz in un genere ballabile, cambiandone i tempi e rinominando questo stile “swing”, che probabilmente le tue escorts conoscono, molto in voga fino agli anni Quaranta.

A partire dagli anni Cinquanta, molte orchestre cominciarono a spostarsi verso New York, attratte da Broadway e dai tanti teatri della metropoli. Nel frattempo, come tu e la tua Milano escort saprete, la segregazione razziale che aveva tenuto il genere ristretto ad una piccola cerchia andava allentandosi: il jazz diventò popolare in tutti gli strati della popolazione con il genere conosciuto come bepop.

Il genere maturò molto in questi anni e grandi artisti come John Coltrane e Miles Davis si concentrarono su sonorità più aggressive, creando l’hard bepop. In questi anni sorse anche la stella di Ray Charles, pianista cieco di innato talento, tra i preferiti da molte escorts. Il genere andò lentamente frazionandosi in correnti come il free jazz, basato completamente sull’improvvisazione e il superamento di qualsiasi tipo di melodia, il rhythm and blues e il soul jazz, più legati all’armonia musicale.